DECRETO RINNOVABILI 2018: ULTIME MODIFICHE PER GLI INCENTIVI FER


Dalle fonti di stampa specializzate si apprende che il testo del decreto rinnovabili 2018 è pronto per l’approvazione ufficiale da parte dei Ministeri di competenza dopo l’introduzione di alcune correzioni e novità alla bozza del provvedimento.

 

 

I PUNTI PRINCIPALI DEL DECRETO

 

• Il sistema di incentivazione sarà destinato a impianti di potenza maggiore di 20 KW (fino a tale valore potranno continuare ad accedere alla detrazione fiscale) e inferiori a 1 MW per i bandi e per potenze maggiori del MW alle procedure pubbliche delle aste. È possibile poter accedere al sistema incentivante anche tramite “aggregazione di impianti”, in modo da poter rientrare negli intervalli di potenza previsti.

 

Slittamento del calendario di apertura dei bandi e aste a partire dal 31 gennaio 2019 sino al 31 gennaio 2021, con un complessivo di 7 date previste. Le domande di partecipazione dovranno essere trasmesse al GSE tramite apposito portale informatico.

 

• Gli impianti fotovoltaici che saranno realizzati sulle coperture di edifici oggetto di rimozione di amianto o eternit, potranno ottenere un premio economico.

 

• Saranno definite delle categorie per raggruppare le tipologie fonti rinnovabili, il limite della soglia di potenza e i tipi di interventi (nuovi impianti, ammodernamenti, potenziamenti, etc.) incentivabili.
Tramite il sistema dei contatori della potenza incentivata per gruppo, si manterrà il controllo della spesa disponibile del sistema incentivante.

 

Nuove possibilità di interventi si delineano quindi per i sostenitori delle rinnovabili: attendiamo la pubblicazione ufficiale del decreto per i maggiori dettagli.